ISTITUTO PINUS

Il “Progetto PINUS” (Primo Istituto Nazionale Unificazione Saperi) è volto a promuovere la riunificazione del sapere umanistico e del sapere  scientifico. Nella nostra cultura si è sviluppata una sempre maggior specializzazione in ogni ambito del sapere, che ha portato ad importanti successi, soprattutto in ambito tecnologico e in vari campi di ricerca, ma ha precluso il proficuo dialogo tra le discipline. Il nostro progetto verte proprio sulla promozione della multidisciplinarietà e dell’interdisciplinarietà nonché dell’integrazione professionale nell’ambito della ricerca, della formazione e dell’informazione. La crisi attuale sembra essere prettamente economica, ma è soprattutto l’effetto di una crisi culturale e di valori. PINUS ritiene che questo sia il risultato di una concezione estremamente riduzionistica dell’uomo, che viene considerato solo un insieme di meccanismi biologici e psichici. La conseguenza più grave è l’eclissi della coscienza, la quale, pur essendo vincolata alla sua base biologica e materiale, emerge oltre questa e si costituisce come valore aggiunto. Se non si mette al centro la coscienza, non solo si perde di vista il valore del soggetto, ma altresì si nega un principio fondamentale: la responsabilità. Rinunciare al principio di responsabilità, però, significa creare le condizioni per un comportamento “irresponsabile” e “amorale” dell’uomo. A tutto ciò si è accompagnata una crescente fede in false certezze, legate alla pretesa di essere pervenuti a verità indiscutibili e definitive. Riteniamo invece che non esistano conoscenze assolutamente vere, ma forme di conoscenza che dispiegano una maggiore o minore efficacia in ordine al raggiungimento di determinati obiettivi. Precisamente per queste ragioni non si possono imporre verità credendo che siano oggettive, ma la verità è il fine ideale della ricerca. Anche le conoscenze scientifiche sono verità solo probabili, cosicchè sacrificare l’uomo, perché le neuroscienze affermano che esiste solo il cervello, configura una prospettiva a nostro giudizio inaccettabile. Per superare ogni forma di dogmatismo si impone la necessità di recuperare il metodo del dialogo che si struttura come confronto tra le persone, le quali sono alla ricerca di quella verità che ciascuno accetta di non possedere, proprio perché emerge oltre il punto di vista dei singoli. A tale verità si può solo in-tendere di pervenire e mai pre-tendere di essere pervenuti. L’intenzione di verità spinge a comprendere sempre meglio, a superare i propri limiti, le differenze, le antitesi, per raggiungere sintesi sempre più condivise. Il processo conoscitivo pertanto da un lato si avvale della ricerca empirica, dall’altro si fonda sulla coscienza riflessiva e critica.

Pinus intende sviluppare il proprio progetto soprattutto in questi ambiti :

FILOSOFIA ED EPISTEMOLOGIA 

FISICA QUANTISTICA

SALUTE : Medicine Non Convenzionali

ORGANIGRAMMA

Presidente: Dott. Angelo Matteucci

Direttore Scientifico: Dott. Mario Ravaglia

Direttore Generale: Dott.ssa Manuela Caletti Fantinelli

Consiglio Direttivo:

Tiziano Cantalupi, Manuela Fantinelli, Angelo Matteucci, Mario Ravaglia, Aldo Stella

 

Pin It